Prima le materie più difficili!

Ogni settimana gli studenti si ritrovano con una mole interminabile di compiti da svolgere a casa e i genitori hanno paura che si ritrovino la sera tardi a concluderli o addirittura a copiarli il giorno dopo in classe!

Che tuo figlio sia motivato oppure svogliato, il tempo da dedicare ai compiti non sembra mai essere abbastanza e a te dispiace, perché sai che avrebbe bisogno di dedicarsi ai suoi amici e ai suoi hobbies.

Esiste un modo per  portare a termine le consegne per casa nel miglior modo e tempo possibile? Ed è possibile arrivare alla fine di queste senza sentirsi stremati?

Senza alcun dubbio uno dei consigli più utili riguarda la cronologia che si sceglie per eseguirli. Molti ragazzi sono soliti partire facendo le materie meno impegnative, che gradiscono maggiormente, per poi concludere con quelle più ostili e che richiedono una dose più alta di concentrazione.

In principio sarà opportuno fare una lista dei compiti che si intendono eseguire per il giorno stesso, così da riuscire a fare un’approssimazione del tempo totale di impiego, successivamente le varie materie della lista andranno numerate partendo dalla più difficile alla più facile (questo è soggettivo, varia perciò da persona a persona).

Bisogna fare delle piccole pause tra un argomento e l’altro, grazie agli studi dello psicologo tedesco Ebbinghaus possiamo ora essere a conoscenza  che con il passare delle ore la concentrazione va calando, ci si sente più stanchi, si impiega più tempo ed aumenta la possibilità di commettere errori.

Parlando di concentrazione sappiamo che essa non dura molto, ci siamo spesso sentiti dire e abbiamo verificato che “a mente fresca si è più concentrati!”.

Ecco perché il segreto sta nel partire con le materie difficili, che richiedono il massimo della concentrazione, per poi passare alle materie più facili, eseguibili in poco tempo anche se ci si sente fiacchi mentalmente. Inoltre le materie che piacciono di più a tuo figlio sono quelle che lo interessano, di conseguenza lo motivano e rafforzano la sua attenzione, se lascerà queste per ultime non si sentirà con il fiato sul collo o preoccupazioni per le materie non ancora svolte.

Un’altro suggerimento è quello di essere rapidi, veloci , ma mai sbrigativi. Avere la costante fretta di finire i compiti deconcentra lo studente e incide in modo negativo sul risultato finale. Quindi insegna a portare a termine gli esercizi nel minor tempo possibile, ma assicurandoti che abbia capito e che possa avere anche il tempo per pensare ai nuovi argomenti, facendo dei collegamenti con altre materie.

Per agevolare i collegamenti e la comprensione io consiglio di utilizzare le mappe mentali che permettono a qualsiasi livello di migliorare l’organizzazione e la memorizzazione degli argomenti.

Lucky Days!

Leave a Comment